lunedì 21 novembre 2016

Epistola

Il loro incontro risale al 1994.

Scambio culturale tra le loro scuole; per una settimana hanno vissuto in famiglia assieme.

Non hanno mai interrotto i contatti anche se non si sono più rivisti.

La scorsa settimana le scrive sul cell: ‘ho una domanda da farti, la vuoi qui o ti scrivo una lettera?’

Ma dai!!!

Da quanto tempo non riceve una busta con una lettera scritta a mano??

‘ Voglio la lettera!!!
Voglio l’emozione di andare ad aprire la cassetta della posta sperando di trovarla!
Voglio il rumore della busta che si strappa e rivedere la tua calligrafia piccola e spigolosa.
Scrivimi!!!’

E così, l’altro giorno, l’ ha trovata!

Le dice che vorrebbe portare i suoi figli in Italia, 4 figli, appena tornerà dalla missione che lo terrà lontano da casa per sei mesi.

Perché lui è un infermiere militare.

Uno che vivi tra la Francia e zone come Mali e Nigeria.

Una persona di quelle che si è conosciuta per uno strano caso del destino, ma che non può non far parte anche solo un pochino della tua vita.

Lui si chiama Emmanuel ma per le è da sempre Manù, non con la U chiusa come la pronunciano i francesi, ma bella aperta perché lei è di Milano.

Perché certe cose iniziano per caso e proseguono perché il cuore lo vuole.

Ti aspetto ManU’!!!!!!!!!

Tu e tutta la tua tribù!


7 commenti:

  1. ohhhhh ma che meraviglia!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra di tornare ado!!!!
      Poi quando penso che sono passati 22 anni mi prende malissimo.....

      Elimina
    2. zitta. non dirlo. taci. faniente. non pensarci. se non ci pensi non esiste.

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. 4 figli...non poteva che essere un militare francese!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha!!! Ne sai qualcosa???????

      Elimina
    2. La cosa brutta è che ti fanno venire pure a te voglia di farne a vagonate di figli...

      Elimina