venerdì 15 gennaio 2021

Nel tempo del 'comanda color' c'era un bimbominchia.....

Come spiegare ai propri figli più piccoli quello che sta succedendo in politica?

Ma con una bella storia!

Iniziamo: 

C'era una volta,
in un tempo in cui vigeva la legge del 'comanda color' ,
un gruppo di bambini che si divertivano assieme.

Il loro gioco preferito era quello della sedia:
tante sedie in circolo, una in meno rispetto al numero dei partecipanti e, 
tanta bella musica.

Quando la musica si fermava chi restava in piedi faceva penitenza.

Tra questi bambini ce n'era uno un pò più dispettoso degli altri.

All'inizio aveva detto che lui non avrebbe mai più giocato al quel gioco,
perchè aveva perso e ci era rimasto parecchio male! 

Poi aveva cambiato idea e aveva ricominciato a ballare, attorniato da un gruppo di fedelissimi . 

Un bel giorno però, il monello, decise che basta: le sedie erano tutte sue!

Anche chi accendeva e spegneva la musica non andava bene.

Anzi: andava fatto tutto da capo!

Motivava questi suoi capricci con la scusa che i giochi  si devono fanno bene altrimenti si cambiano tutti i partecipanti.

Diceva alle sue amiche: " Voi siete brave ma si fa quello che decido io!" dandogli grattini selle braccia

E così, nel tempo del 'comanda color', 

oltre a restare tutti chiusi in casa

a girare sempre con la mascherina,

a non poter ospitare più nessun amico,

a non andare al ristorante,

a fare scuola da un monitor,

a non poter andare per musei, in palestra , al cinema a teatro.....

il bambino dispettoso fece sì che quelli che giocavano persero tutte le sedie.

Non si persero solo le sedie ma anche la faccia nei confronti del mondo,

e si persero  posti di lavoro,

e si persero soldi,

e si perse il sonno,

e si perse credibilità,

e a tutti girarono indicibilmente i maroni.

Tutti si chiesero, nel tempo del 'comanda color', come fosse possibile che un 2% metta in subbuglio un intero paese.

..... se lo stanno chiedendo ancora adesso, ma non si sanno dare una risposta!

La morale di questa storia qual è:

che chi il gioco della sedia fa schifo  e il bambini dispettosi si devono solo vergognare!!!

Ragazzi, non diventate così!!!

Pensate prima al bene di tutti!

Bimbomichia hai solo da vergognarti!!!!

giovedì 14 gennaio 2021

Minate

Con tutte quelle che combina il nano di casa ci si potrebbero riempire pagine e pagine di blog.

Giusto ieri:

Mamma è in cantina a sistemare la biancheria chiacchierando con il Medio.
Arriva il Mino che li interrompe: " Mamma è successa una cosa. Sentito rumore gaaaaaande! Ho apetto cassa del tesoro ( un vecchio porta gioie di mamma dove lui ha nascosto i cioccolatini a forma di monetine che ha portato la befana ) e guadda!!!" le dice mostrando un cioccolatino scartato a metà.
" Si è apetto tutto da solo! Allora io mangio!"
Eccerto: chi non ha mai visto dei cioccolatini che si ribellano e si strappano via da soli la carta provocando un rumore gaaaaaaande!!

Urla belluine provengono dal salotto.
La scena è di Junior a terra che si tiene con due mani un cappello sulla testa mentre il Mino cerca di strapparglielo a tutti i costi, con una mano, mentre nell'altra stringe la sua forbice con le punte arrotondate.
Impe: " Ma che succede qui? Basta strillare!!"
Junior: " Mi vuole tagliare i capelli mamma! 
Mi sono cacciato un cappello in testa perchè mi gira in giro con le forbici perchè vuole tagliarmeli!"
Mino: " Solo poco Junior! 
Io mai tagliato capelli!
Io voglio provare! 
Se va bene no, mamma aggiusta con colla!
Dai Junior piacere!!!
Io ho chiesto 'piacere': tu devi fare tagliare!" 
Eccerto: se si chiede per piacere si può pure commettere un omicidio, secondo lui!

Mamma si sta preparando per andare a letto; chiede al suo fidato compagno: " Mino tu sei pronto?"
Lui arriva al galoppo e le dice: " Sì, io sei!"

Una minata al giorno mette il sorriso tutto intorno!

 

mercoledì 13 gennaio 2021

13 anni e un giorno

Quando ti accorgi che tuo figlio, il tuo piccolo neo tredicenne, è diventato grande?

Da come reagisce all'apertura dei suoi regali di compleanno, ovviamente!

Su suggerimento della mamma, la zia Mò è andata nel negozio di vestiti più tamarri della zona e ha scelto per lui pantaloni e magliette di quelle marche che, fino all'altro giorno, erano ad appannaggio esclusivo dei fratelli.

L'entusiasmo nei suoi occhi quando ha visto il sacchetto con il logo della bottega non poteva essere finto!

Ed il fatto che sia corso subito a misurarsi tutto è stata la conferma che sì, gli sono piaciuti molto.

Solo qualche mese fa non avrebbe reagito così:
 'I vestiti non possono essere regali! Sono cose che servono e basta, quindi non valgono come regalo!' aveva pontificato lo scorso anno quando mamma gli aveva proposto di farsi donare qualcosina dai nonni.

Anche quando ha scartato il regalo dei fratelli si è illuminato: una striscia di luci al led da incollare alla scrivania - altra tamarrata! 

Quando papà gli ha detto: 'Io e mamma ti abbiamo regalato il rinnovo dell'abbonamento a Topolino' il grazie più grande e sentito è arrivato da Senior - ma questo noi lo immaginavamo già!

Questa mattina c'è stato, per lui, un altro regalo decisamente inaspettato.

Impe: " Junior, guarda che mail mi ha inviato Google.
Mi avvisa che, avendo 13 anni e un giorno, tu puoi utilizzare più funzionalità di YouTube. 
Praticamente ha sbloccato alcuni filtri per cui puoi navigare e vedere quei video che ti piacciono tanto, direttamente dal tuo cell."

Junior: " Non ci credo!!! Finalmente!!!! 
Fino a ieri ero costretto a guardarli sul vecchio cell di Senior, quello con tutto lo schermo frantumato.
Adesso potrò fare come diavolo mi pare! 
E' un regalo bellissimo! Grazie!!"

Ed è pure gratis!

13 anni e un giorno......sì, è proprio cresciuto!

martedì 12 gennaio 2021

Junior 13

Se mi dovessero chiedere chi è il più discreto tra tutti i miei ragazzi risponderei, senza ombra di dubbio tu!

Il mio ragazzi arrivato di corsa.

Sei quello che apparecchia tavola senza che glielo venga detto, ma quando c'è da sparecchiare indossa il mantello dell'invisibilità e non ti si trova più.

Hai la capacità di contorcerti per i solletichi solo guardandoti, non è necessario toccarti pere farti ridere a crepapelle.

Tu dici sempre di sì, ma tanto poi fai sempre quello che vuoi - paragnosta!

Vivi nell'ombra, ingombrante, dei tuoi fratelli ma sei in grado di brillare di una luce chiara, luminosa e calda.

Sei la nostra scheggia, un folletto dagli occhi color muschio.

Oggi compi tredici anni.

 Un compleanno un pò in sordina, ma che hai saputo gestire con tanta maturità: " Mamma una festa è impensabile! Al massimo posso invitare due amici per una pizza a casa? Però alle 22 devono essere accompagnati a casa, non si può mica rischiare...."

Che sacrifici da grandi siete costretti a fare anche voi ragazzi.

Mio ex piccolo Junior, grazie per capire che questa situazione non sarà per sempre e, alla prima occasione, ti faremo una festa che neanche te la immagini!

E sì, per la cena di sabato troveremo il modo di sfondarti di sushi! 

E adesso pedala ragazzo!

Lo vedi il sole che sta per sorgere? 

E' il tuo futuro ragazzo.

Vedi che bei colori che ti aspettano?

Buona vita Junior.

Ti amo

la mamma

lunedì 11 gennaio 2021

Il disagio sa nuotare??

 Strano.

Stranissimo.

A loro sembra veramente strano strano non passare il sabato sera con qualche amico.

Pre-covid era rarissimo che a casa loro non ci fosse nessuno o loro non andassero a casa di qualcuno.

Sono mesi che, oramai, la situazione è di asocialità totale.

Perchè, ammettiamolo, le videochiamate non possono sostituire il calore di quattro chiacchiere fatte attorno ad un tavolo.

Loro però, per compensare, hanno creato il loro rito del sabato sera: lime, menta, zucchero di canna, ghiaccio e rum.

 Momento Mojito!!!!!



Pater è diventato un mago e lo prepara in modo per-fet-to!

Con i loro bicchieri tintinnanti e una buona dose di anacardi salati il loro sabato sera svolta.

Impe: " Buono, buonissimo, ottimo!
Niente da dire, però a gennaio mi aspetterei di bere qualcosa di più consono alla stagione.
Solitamente, di questi tempi, preparavo per i nostri ospiti la grolla valdostana, la coppa dell'amicizia.
Scorze d'arancia macerate nella grappa, caffè caldo, zucchero di canna.
Una bella fiammata per bruciare l'alcool e via!
Che bello quando ce la passavamo.
Si beveva a turno dai beccucci, fregandosene bellamente se qualcuno ci aveva già appoggiato la bocca.
Ma ti rendi conto?
Adesso manco ti puoi stringere la mano o dare un abbraccio che sei lì a spruzzarti igienizzante antibatterico dappertutto!
Quante cose ci sta togliendo stò virus!
Altro che coppa dell'amicizia: coppa del disagio!
Non so se avrei più il coraggio di berla."

Pater: " Per consolarti domani sera ti preparo l'Irish coffee.
Ti va?"

I: " Molto volentieri: affogherò nell'alcool il mio disagio!"

Speriamo che non sappia nuotare!

E voi? 
Avete un rito anti-disagio?  


 

venerdì 8 gennaio 2021

Sentimenti formato XXXXXXL

 Lui è alto tre mele o poco più, che in totale fanno poco meno di un metro.

I suoi due fratelli più grandi sono arrivati al metro e novanta.

Quando li guarda, aggrappato alle loro gambe, deve ribaltare tutta la testa all'indietro che , se lo facesse lei, cervicale levati proprio.

Il più delle volte però si guardano fissi negli occhi: o lo prendono in braccio o si buttano a terra con lui.

Quello che i loro occhi si dicono è amore.

Il nano li guarda con assoluta devozione.

Loro contraccambiano con un bagliore di passione, tenerezza e protezione.

Però...

Però...

Però se gli chiedi: " Mino, chi è il tuo fratello preferito?" lui ti risponde senza nessun tentennamento: " Junior!"

Junior, quello che lo fa giocare alla pari, da grande!

Quello che non lo tratta da bambino.

Quello che lo riempie di scherzi e dispetti ma che però c'è. 

Non si chiude in camera a chiave per studiare.

Non lo ignora quando gioca alla PS con gli amici.

Oramai il suo nome è ' Miojunior' tutto attaccato.  

E tutto questo lei lo osserva con gli occhi a cuoricino e scatta fotografie mentali per non dimenticarsi mai di quella magia che si compie nella loro casa quando sono tutti e sei assieme.

La fatica di essere una famiglia numerosa è ampiamente compensata da questi sentimenti formato XXXXXXL.

...troppo miele in un solo post???? Non è da lei!

giovedì 7 gennaio 2021

Peggio di noi

Il nuovo anno è partito all'insegna del ' tanto non è cambiato un cazzo!'

I due grandi sono ancora a casa in DaD.

Le scuole hanno iniziato a inviare, dal 29 dicembre, calendari aggiornati, divisione della classe in due gruppi, nuovi orari, entrate scaglionate, uno sbatti boia per arrivare il giorno 5 a comunicare: ci riproviamo l'11!

Povere segreterie scolastiche: quanto lavoro per niente!

Roba da andare nella sede del ministero dell'istruzione vestiti da sciamani, a rubare suppellettili da rivendere su e-bay e a piazzarsi con le scarpe sulla scrivania del ministro Azzolina.

Stai a vedere che gli americani mi copiano l'idea!

Tutto sommato c'è chi è messo peggio di noi!

2021 un pò più di impegno perdio!!!!!