venerdì 9 agosto 2013

Non si vede la fine....

Mi chiedo perché, invece di essere a casa con i miei figli a preparare le valige e a sistemare il delirio che regna in ogni stanza, sono ancora in ufficio...con loro, che hanno scambiato le sedie dell’ ufficio per delle trottole e la fotocopiatrice per la macchina che stampa mani ( al sedere ci stanno arrivando ).

Il prossimo che mi dice “ Beata te che lavori in proprio, così ti gestisci come vuoi!!” rifilo un sonoro cacio nel fondoschiena e 2 dita negli occhi.

Qui ragazzi il tunnel è lungo e la luce lontana.

Eeehhh, ma prima o poi inizieranno anche le mie di vacanze....si spera da domani....forse...vediamo Pater se pure lui ce la fa a mollare...aiuto...voglio scappare!!!!   

mercoledì 7 agosto 2013

L'ultimo faraglione

Organizzare le valige delle vacanze per 5 non è un lavoro per pippe.

Preciso che le vacanze dei 5 partono con una settima di montagna e si concludono con 10 gg di mare,  e tra montagna e mare il passaggio è diretto - ovvero si va sui monti mettendo nel bagagliaio bastoncini da passeggio e canotto, pile e pareo, zaino tecnico e ombrellone...-

Faccio presente il fatto che la casa montana è quella condivisa con i nonni, di conseguenza già avviata, mentre quella marittima è da far partire – leggi: sale, zucchero, caffè, olio, aceto, biscotti, mollette, tovaglie, lenzuola....= N° imprecisato di cartoni vari ed eventuali.
Il tutto condito con abbigliamento x 5.

Considerando il fatto che ogni volta una categoria viene dimenticata a casa – un anno zero calze per i figli, quello dopo zero mutande per la sottoscritta, il successivo  accessori da doccia completamente rimossi...Impe mica per niente!!!!

In casa iniziano quindi a comparire borsoni, valige, scatoloni e scatolacci; inutili elenchi ( miei ) su cosa ricordarsi di comprare, cosa non dimenticare,  compiti da lasciare ai nonni...ecc...ecc...ecc...

Insomma: non vedo l’ora di andare in ferie e lo scoglio delle valige è l’ultimo faraglione da superare.  

Accetto consigli e soprattutto aiuto.

martedì 6 agosto 2013

SNIF!!! Hanno scoperto il nostro segreto

Pater: “ Dai, permettiamoglielo !!!”

Impe: “ No, scusa!!! E’ il nostro momento!!!”

P: “ Ma potrebbero sciogliersi”

I: “ Gli ho già rinfrescato la stanza, staranno benissimo”

P: “ E’ un brodo “

I: “ Mi ero già fatta il film”

P: “Non fare la gelosona, anche se è tardi facciamogli fare un puccio in piscina “


E così fu che all’alba delle 11.15 la piscina si ripopolò di tutta la famiglia.


Medio: “ Il bagno di mezzanotte è proprio da fighi!!”

Junior: “ Io pensavo che ci stavate scherzando”

Senior: “ Vero che domani sera lo facciamo ancora? Anzi, posso invitare il Fe e il Fa ?”

NOOO!! NOOO e poi ancora NOOO!!!!

Hanno violato il momento tutto mio, solo mio.
Sì, sono una bambina egoista e sto anche picchiando i piedi.
Uffa!!! ( a braccia incrociate )   

lunedì 5 agosto 2013

Un pò di grinta!!!

Fine settimana montano dell’allegra famigliola, per sfuggire alla canicola della PiPa.

Pater , quest’anno, ci ha preso gusto con la bici, coinvolgendo la triade.

Impe, fino che ha potuto, ha declinato caldamente gli innumerevoli inviti ad aggregarsi alle uscite ricche di fango, cacca di mucca, cadute, ruzzoloni, graffi e lividi, adducendo il fatto che lei fosse sprovvista di mezzo idoneo.

La sorte ha voluti che Junior abbia vinto, con una lotteria organizzata alla scuola materna, una moutan bike nuova fiammante. Che fortuna!!! ( leggi in tono mooolto ironico )

Pater: “ E’ perfetta per te, visto che culo!! Ce la portiamo in montagna così puoi venire con noi!!! Contenta??”
Impe: “ Ooohhh!! Sparami! “

E fu così che anche mamma Impe salì in sella al nuovo bolide arancio, con 1000 e più raccomandazioni da parte del legittimo proprietario Junior “ Ricordami che è mia e te la sto prestando, non me la rovinare, stai attenta alle buche, non entrare nel fango, se la sporchi poi la devi pulire, non cadere perché poi me la rompi.....”

Alla prima uscita ufficiale la neofita inizia smadonnando contro le salite e sacramentando contro le discese, sbuffando come un mantice e sudando come una salame al sole.
Al che, Medio inchioda la sua bici bianca e blu, si volta verso l’ultima ruota del carro ed esclama:

M: “ Dai mamma, un po’ di grinta!!! “

Impe, abbassa occhi e orecchie e finisce il suo primo, e forse ultimo, tour borbottando tra sé e sé e maledicendo Pater e le sue idee, l’asilo, la bici, la fortuna e tutto quanto le capiti a tiro.     

venerdì 2 agosto 2013

La guerra dello split

All’inizio dell’estate ho letto un artico in cui, in modo simil-scientifico-sfottò, si definivano 2 categorie: pro aria condizionata o contro aria condizionata.
Si elencavano paturnie, manie, preconcetti di entrambe; me l’ero letto sogghignando anche perché io appartengo alla Contro e Pater alla Pro.

Ora siamo nel pieno della nostra battaglia annuale.

Quando salgo sulla sua macchina l’aria è sempre alla velocità massima, alla temperatura minima e puntata in faccia – io non riesco a tenere neanche aperti gli occhi, come ..zzo fa a giudare, lo sa solo lui

Ma l’apoteosi la raggiungiamo in camera da letto....eheh che frasetta malandrina!?!?!

I “ Oh ciccio, se fuori ci sono 30 gradi, non puoi mettere il condizionatore a 24”

P “ Solo per i primi minuti così la stanza si rinfresca più velocemente, poi alzo.”

I “ E tu pensi che me la beva? Molla il telecomando...basta mettere il deumidificatore, non serve ibernarci, leva stò fiocco di neve e metti la gocciolina...”

P “ Però lascia la velocità al massimo!! Guarda, sono appena uscito dalla doccia e sono già tutto appiccicoso “

I “ Sai che c’è, me ne vado sul divano! Aspetto che l’aria rinfreschi poi vengo a letto e apro le imposte. Ma non azzardarti a modificare niente!!! “

Dopo circa 30 minuti, rientro in freezer stanza.
Spalanco finestre e imposte e mi sdraio sul panetto di ghiaccio materasso, sacramentando contro chi ha puntato a 24°, fiocchetto di neve, velocità Max.
 
Questa mattina.

P “ Buongiorno amore, oddio che mal di gola...pensi che sia colpa del condizionatore, che faccio prendo una pastiglia, mi guardi se ho le placche, dici che mi verrà la febbre??”


Respiro profondo.

Respiro profondo.

E questa sera si replica....

giovedì 1 agosto 2013

La congiura dell'antifurto

In estate oltre alla proliferazione delle zanzare, il mio udito mi fa notare che si moltiplicano le sirene degli antifurti.

Da ragazzi!!!

Io dormo con le finestre aperte, non si può mica!!!

Tutta notte questi ululati molesti che traforano timpani e maroni            .

Prima attacca quello della casa rosa d’angolo, poi si aggiunge quello di quella grigia in fondo alla strada, si ferma il primo e vai, inizia quello del vicino...

Potrei ipotizzare che sia il complotto dell’ elettricista: tutti si vedono costretti a fare una bella revisione pre-ferie degli apparecchi ( se non vogliono che i vicini, in loro assenza, prendano a sassate le sirene  ).
Fai 99 € a intervento e ti paghi la vacanza.

PS: mio marito non fa l’elettricista...mannaggia ...