mercoledì 30 marzo 2016

Come le spore

E alla fine lo hanno fatto.

Più che convinte che la sorellanza vada sancita anche sulla pelle.

Venerdì scorso l’inchiostro ha disegnato lo stesso soggetto sulle loro scapole.

Un soffione che disperde le sue spore, su su, fino al collo.

E tra i fili di polline le iniziali del trio – che poi  due su tre sono anche le loro, di iniziali.....

Un gesto che le ha unite ancora di più.

Un altro momento che hanno avuto la possibilità di condividere.

Una complicità pazza.

Loro due: diverse ma così  in sintonia.

Opposte ma complementari.

A volte distanti, ma mai con il cuore

Essere sorelle è andare felici dalla propria mamma, scoprire la schiena per mostrare i tatuaggi uguali uguali e sentirsi dire ‘ Siete proprio due sceme’ e ridere fino alle lacrime, perché sapevano che sarebbe stata  l’unica risposta che si potevano aspettare da lei.

Dio benedica tutte le sorelle.

9 commenti:

  1. Risposte
    1. Cara Vero, le belle follie si fanno anche a 40 anni!!

      Elimina
  2. Ma tu lo sai che ho fatto leggere il tuo post precedente a mia sorella dicendole: "Lo facciamo anche noi???". Mi aspettavo una rispostaccia ed in effetti è stato così all'inizio, ma poi si è ricreduta e ora che la vado a trovare andremo a farcelo...sempre che non cambi idea...
    Grazie a te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che bello!!!
      Può sembrare una sciocchezza, me è stata una cosa che ci ha unite ancora di più!!
      ...adesso però ho il marito geloso, vuole che ci tatuiamo anche noi sue uguali: domani vado a prendere l'appuntamento!!!

      Elimina
  3. Meraviglia!!! Necessita foto... :-D

    RispondiElimina
  4. Io sono figlia unica per cui una complicita' simile la posso solo immaginare. Sei fortunata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sono! Per questo spero che anche fra il trio nasca questa bella intesa.

      Elimina