mercoledì 8 marzo 2017

In apnea


C'è una mattina in cui ti svegli e non sai che questo giorno sarà destinato a diventare speciale, unico, indimenticabile....

Le sue ore sono come un'onda che ti coglie impreparata.

Ti sommerge con la sua irruenza.

Ti travolge con la sua forza.

Ti toglie il fiato.

Ti fa piangere per lo spavento.

Quando poi ti trovi con le gambe all'aria sulla battigia vorresti ridere, ma non ce la fai, non riesci ancora a respirare.

Ecco, oggi sono ancora così: senza fiato.

Travolta ma non stravolta.

Con l'impellente esigenza di realizzare quello che quest'onda improvvisa ha provocato, sta provocando e provocherà.

Per ora resto in apnea........

 

6 commenti:

  1. ok sono ufficialmente in ansia. Che fu Impe?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ......comare....grazie per esserci!
      Sei la numero 6!!

      Elimina
  2. Risposte
    1. Cara, ancora un po' col fiato corto, passerà......Grazie

      Elimina
  3. Non ci puoi lasciare così! Io soffro il mal di mare! Rassicuraci...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla, ho solo da dover riprendere fiato e farmene una ragione......

      Elimina