martedì 18 ottobre 2016

Guardare e non urlare

Impe: “ Allora grandone, verso le 18.30 mangiati qualcosina.
Per le sette ti accompagno i palestra.
Io e i tuoi fratelli arriviamo a vederti giocare dopo le otto, non prima.
Il tempo di mettere qualcosa sotto i denti, poi veniamo a farti il tifo!”

Senior: “ Tranquilla mamma, puoi anche non esserci.
Ti chiamo io quando ho finito.
Hai un sacco di cose da fare e poi in questi giorni non c’è neanche papa ( ndr: altra trasferta ).
Junior è anche raffreddato è meglio che se ne stia a casa.
Magari Medio deve finire di studiare....”

I: “ Ma figurati!
Certo che veniamo!
E’ la prima partita e non possiamo mancare!”

S: “ Non importa!
E poi è un’amichevole, non è di campionato.
Stai a casa, mamma, stai a casa.....”

I: “ Ma....
Perché?!?!
....ho come l’impressione che tu non mi voglia......
Mi sbaglio??”

S: “ Non è che non ti voglio....ma tu, mamma......come dirtelo senza offenderti.....
Ecco, sì: ci imbarazzi!!”

I: “ Come ‘ ci imbarazzi’???
E poi perché ‘ci’????”

S: “ Lo pensano anche i fratelli.
Medio, dillo anche tu alla mamma che è meglio che lei non venga a vederci giocare?!”

Medio: “ Assolutamente!!
Guarda che sabato pomeriggio, alla mia partita, ti sentivi solo tu!”

I: “ Ma non è vero!!”

M: “ Sì che è vero!!
Tira!!
Passa!!
Smarcati!!
Taglia, taglia!!!
Stagli addosso!!
Mamma, avrei tanto voluto tirarti una scarpa!”

I: “ Tutte le mamme incitano i loro figli!
Non solo io!”

S: “ Certo!
Ma la tua voce copre tutte le altre!
Mamma: ci metti in imbarazzo!”

I: “ Ma.... io voglio, anzi devo venire a vedervi!!
Mi piace guardarvi giocare!
E’ bello fare il tifo per voi e per la vostra squadra.....”

S: “ Facciamo una prova .
Questa sera puoi venire ma senza urlare.
Se però inizi ad esagerare sappi che è l’ultima volta!”

I: “ Prometto di starmene buona buona sugli spalti, di non urlare, di non incitarvi.
Ti guardo e basta.
Però se segni posso almeno esultare??”

S: “ Sì, ma non sguaiatamente!” 

E la musica alta no!

E il tifo no!

I miei figli mi stanno castrando!

Parliamone.....


8 commenti:

  1. ahahahahahahahahahahahahahahah solidarietà comare.
    Io uguale, alle partite di rugby urlo come una ossessa.
    Il Nin per ora non si imbarazza, ma prima o poi.... Sono anche stata richiamata da un arbitro, una volta! :-D
    Ma ti dirò che tu e io messe assieme non siamo niente.
    Mia mamma, alle mie gare di nuoto, la sentivo CON LE ORECCHIE DENTRO L'ACQUA.
    E non ti dico altro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fortissima la tua mamma!!!
      ... e io che pensavo che a loro facesse piacere.....

      Elimina
  2. Ahahahahahaù11 Io avevo mio padre così, lo sentivo anche al di sopra del rumore delle onde!! Però mi faceva piacere, non mi ha mai dato fastidio, anzi...
    Sono curiosa di sapere come sarò io, ma credo di conoscere già la risposta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comunque ci ho provato a contenermi: risultato scarsino....

      Elimina
  3. Dopo anni e anni che passo TUTTE le domeniche alle partite di calcio, adesso ci provo pure io!!! ;-) Domenica urlerò come una pazza così forse mio figlio mi darà il daspo e potrò poltrire a casa al calduccio. Grazie della dritta comare!!
    ps: però dai...ti stanno tarpando le ali...ribellati! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre a disposizione comare!
      Azzo se mi ribello! Infatti non è cambiato molto...e il campionato non è ancora iniziato!!
      Poveri loro!!

      Elimina
  4. Nooooooooo l'ultimatum filiale nooooooooooo O_O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O mi imbavagliano o mi narcotizzano: non c'è altra soluzione!

      Elimina