venerdì 26 novembre 2021

Venerdì nero

Bilancio di oggi:

- figli con febbre e tosse: 2;

-tamponi effettuati: 2 - per fortuna entrambi negativi;

- macchina incidentata: 1 - quella di Pater, non per colpa sua ma portata via con il carroattrezzi 

Che giorno è oggi?

Evviva il venerdì nero!

Mi consolerò con lo shopping on line.....

mercoledì 24 novembre 2021

Pentola a pressione scoperchiata

 " Educato, rispettoso, sempre sorridente.
Quando entra in classe, prima di andare a giocare , viene subito a salutarmi.
Ha trovato Matteo, suo amico del cuore ma, in questi giorni che è assente, interagisce anche con gli altri compagni senza problemi.
Mi chiede sempre il permesso: per piacere potrei, vorrei....
Mi sembra un cristallo: bello e delicato.
Non ho nient'altro da divi, è un bimbo sereno."

Lei ascolta con aria perplessa.

Anche Pater ha un'espressione confusa.

Si chiedono se l'insegnante stia parlando del loro Mino.

Di quel bambino/tzunami/tornado/terremoto che da quattro anni imperversa nelle loro vite stile uragano Katrina.

Lui, professionista di picchio il piede, incrocio le braccia e faccio il broncio.

Lui, dall'incazzatura facile.

Lui, tarantolato e folle.

A quanto pare, fuori casa, si trasforma in un piccolo Lord.

Irriconoscibile.

Adesso si spiega l'effetto 'pentola a pressione scoperchiata' che ha quando torna a casa.

Trattiene tutte le energie distruttive e le libera varcata la porta.

Non conosceremo mai a fondo i nostri figli, dobbiamo solo cercare di renderli migliori di noi!


   

martedì 23 novembre 2021

Non siamo migliorati

Lui c'è ancora.

No, non se ne è per nulla andato, lo stronzo!

Anzi: sta tornando prepotentemente a condizionare le nostre vite.

E' nuovamente la notizia n.1 di tutti i tg.

La sua sfida con noi non è ancora finita.

Perchè il Covid non molla, non ci sta mollando!

Una classe della materna del Mino è in quarantena, causa positività di un bambino.

L'altra terza delle medie di Junior è in quarantena, causa positività di uno studente.

Senior: " Oggi i prof ci hanno detto che stanno rimettendo in pista tutto il circo della DaD per non arrivare impreparati ad una chiusura.  Perchè prima o poi succederà anche a noi."

Speriamo proprio di no!

Perchè, io, un anno di messaggi sulla chat dell'asilo in cui si brontola, accusa, indigna, insegna, prega.... ( No, non posso abbandonare il gruppo perchè da lì passano tutti gli avvisi di classe ), di figli nuovamente a casa imbalsamati davanti al pc, di socialità azzerata non penso di riuscire a reggerlo

Covid, non so se te l'hanno già detto: ha proprio rotto tre quarti di mazzo. 

Forse il tuo obiettivo era quello di metterci alla prova.

Ti svelo un segreto : no, non siamo migliorati.

Fattene una ragione!

lunedì 22 novembre 2021

Solo un 30

Cosa succede a un bambino di quattro anni se, dopo essersi messo il pigiama, va a rompere le balle al fratello diciottenne che sta studiando per l'interrogazione di letteratura?

Questo: 





le dita vengono colorate con gli evidenziatori e una faccina spunta sul dorso del piede.

Piede che, a fatica, potrà essere lavato perchè così è troooooppo bello!

Visto così sembra il 47 di Medio, vi giuro che è solo un 30!

venerdì 19 novembre 2021

Ammettetelo!!

Questo mia casa virtuale ha aperto le porte nel giugno 2013.

Qui ho scritto più di 1300 post.

Ricevuto molti commenti.

Vi ho raccontato parecchi cazzi miei.

Ho cercato di strapparvi un sorriso condividendo quanto accade nella mia famiglia.

Ogni tanto ci scappa qualche riflessione ( ...non troppo spesso però, mi raccomando!)

Menate q.b.

Foto di tanto in tanto.

Però mai una mia!

Paesaggi, vacanze, pasticci, figli prese di spalle, mani....

Io MAI!

La mia faccia qui non si è mai vista.

Forse è venuto il momento di colmare questa lacuna.

Io: nello splendore disfatto dei miei 47 anni.

No filtri.

No photoshop.

Naturale al 100%.

Solo un pò di tinta ai capelli.

Eccomi qui:



Opera del maestro futurista Mino: 
Ritratto della mamma.


Mi immaginavate più magra, vero??

E con meno dita? 

Ammettetelo!

giovedì 18 novembre 2021

Asfaltiamo il futuro

Se vi chiedessero qual è stata la scelta più difficile della vostra vita voi cosa rispondereste?

Vi lascio pensare.......

Casa, macchina, se dire di sì alla proposta di matrimonio, cambio lavoro....

Io ve la butto lì: scelta della scuola superiore!

Noi ci siamo nel pieno con Junior.

Questo paletto fondamentale, che va piantato a 14 anni, è un vero e proprio banco di prova.

Sia per chi deve scegliere in prima persona, sia per chi gli sta vicino.

Oggi Pater è andato alle 10 a prendere il figlio n. 3 a scuola per portarlo a Milano a visitare l'unica scuola a cui sembra interessato - perchè gli open day vengono fatti di giovedì dalle 11 a mezzogiorno: comodissimo!!!

Siamo al terzo figlio che deve compiere questa scelta, dovrebbe essere abituata alla situazione, ma la sensazione di genitore inadeguato è sempre la stessa.

Saprò stargli accanto nel modo corretto?

Con la giusta attenzione, senza risultare soffocante?

Riuscendo a far esaltare i suoi punti di forza e trasformando le debolezze in pregi?

Cogliendo le sue perplessità e dissolvendo eventuali dubbi?

Risposta: no, non penso proprio!

Ciccio, è da qui che si parte ad asfaltare la strada per il tuo futuro.

Può essere di ciottoli e in salita o di catrame drenante ed in discesa.

Sta a te partire con il piede giusto caro mio.

Io ti posso solo stare al fiano, la scelta però e tutta tua.

Ma non ti preoccupare: qualunque sia la percorreremo assieme.





martedì 16 novembre 2021

Quanta strada c'è da fare!

Ieri lei e il suo nano si sono regalati una giornata tutta per loro.

Lui era a casa, causa chiusura scuola per festa patronale.

Lei si è presa un giorno di ferie.

La mattina hanno preparato assieme il pane e poi, sfidando il maltempo che qui ha imperversato per tutto il weekend, sono usciti a fare un giro per la tradizionale fiera delle bancarelle.

Tappe obbligatorie: l'acquisto di frutta disidratata per il papà, un paio di ombrelli nuovi e un giochino per il ragazzo.

La bancarella dei giochi è sempre lì, davanti al sagrato della chiesa. 

Obbiettivo: l'acquisto di un hula hoop - da dove arriva questa sua richiesta, boh??

Però il cerchio magico non c'è, allora c'è da scegliere un altro gioco.

La bancarella ha sul lato desto macchinine, trattori, pistole, mostri, robot...., sul lato sinistro invece vince il rosa. 

Lui prima adocchia una gru, poi curiosa un trattore, infine lo sguardo si sposta tutto a sinistra e l'indice parte indicando il gioco prescelto.

La venditrice chiede perplessa: " Questo? Sei sicuro?" guardando alternativamente mamma e figlio

Lui annuisce convinto.

Impe: " Ottima scelta Mino, ci divertiremo parecchio!"

Arrivati a casa il felicissimo si toglie giubbotto e scarpe e si fionda sul nuovo gioco.

mino: " Dai mamma, apriamolo subito!"

Seduti assieme sul divano, l'occhio le scappa subito sulle scritte del cartone d'imballo.





Quindi con gli amici no?

E assolutamente non con il papà!! Solo con la mamma!!!

Ma siamo ancora fermi a questo punto???

Lo vogliamo sdoganare il concetto che non esistono giochi da maschio e giochi da femmina?

I giochi sono giochi!

Servono a far divertire, crescere,  sperimentare, sviluppare fantasia....

Un carretto di gelato non può essere un gioco adatto ad un bambino?

.....a quanto pare no!

Due righe al distributore di questo gioco gliele vuole scrivere, per dirgli che anche un bambino si è divertito a giocarlo con i fratelli - tutti maschi  - e pure con il suo papà, quando è tornato a casa dopo il lavoro.

Quanta strada c'è ancora da fare.....